Viabilità Cimpello - Sequals - Gemona

Il nostro punto di vista sul tracciato


IL DIRETTIVO dell’associazione, a risultato del bando di gara inerente la proposta autostrada Cimpello-Sequals-Gemona, che è stato promosso dalla Regione senza le associazioni ambientaliste come la nostra che, è bene ricordarlo non è contro l’arteria proposta, ha dato l’incarico allo scrivente di manifestare pubblicamente il proprio dissenso a questo modus operandi.

 

La perplessità maggiore è che la giunta regionale, nonostante abbia ricevuto tutti i documenti da noi consegnati, in particolare la ricognizione aerea a dimostrazione della validità del tracciato approvato anche dal Commissario dello Stato e una copia del Ricorso Straordinario al Capo dello Stato sul tracciato della suddetta strada con relativa integrazione e richiesta di sospensiva continua a indicare un tracciato inviso!!!

 

A tale tracciato, se confermato nel progetto vincente, sarà fatta opposizione in tutte le sedi; inoltre sarà anche contestata la scelta di non provvedere ad uno svincolo sulla provinciale n° 1 di Pordenone. Due gravissime inottemperanze sprezzanti della volontà delle popolazioni che dovrebbero subirne i disagi senza alcuna compensazione, quale l’uso gratuito per i residenti.

 

Questa politica regionale ha di fatto abdicato al proprio ruolo adeguandosi agli ultimi pronunciamenti di una Soprintendenza dei Beni AA/CC, che, sorda ai richiami rafforzati nel Ricorso Straordinario (siamo a conoscenza che nel merito funzionari del Quirinale hanno recentemente contattato autorità provinciali), non è riuscita a far prevalere il buon senso promosso da una cospicua petizione atta a dimostrare un Consenso Sociale vincolante nella VIA (valutazione d’impatto ambientale).

 

TESTO DEL RICORSO

 

 a) Violazione e falsa applicazione dell’articolo 13, 3° comma, della L.R. Friuli - Venezia Giulia n° 43 in data 07 settembre 1990 che disciplina la consultazione del pubblico interessato in relazione all’impatto ambientale nella progettazione di opere pubbliche.

Violazione e falsa applicazione dell’articolato della Convenzione di Aarhus del 25 giugno 1998, ratificata con Legge n° 108 in data 16 marzo 2001, il quale garantisce il diritto all’accesso alle informazioni ambientali con adeguatezza, tempestività ed efficacia al fine di favorire la partecipazione dei cittadini alle attività decisionali aventi effetti sull'ambiente.

Violazione e falsa applicazione della Deliberazione della Giunta Regionale Friuli - Venezia Giulia n. 2513/03 con la quale veniva istituita una commissione di verifica e consulenza  relativamente agli interventi nel settore ambientale della quale la scrivente Associazione fa parte (vedi BUR Friuli - Venezia Giulia in data 18 settembre 2003) con il WWF e Legambiente e che non è mai stata riunita. Naturalmente la scrivente Associazione ha più volte ed inutilmente chiesto d’essere informata e di fornire pareri in relazione al progetto in parola.

b) Difetto di motivazione, contraddittorietà, illogicità manifesta in quanto il tracciato a sud del Colle di San Zenone scorrerebbe in prossimità dell’abitato di Lestans di Sequals con gravi ed inevitabili ricadute sulla sicurezza e sulla tranquillità dei residenti dato l’elevato livello di transito di mezzi pesanti ed inoltre comporterebbe la realizzazione di numerosi attraversamenti a servizio delle aree abitate che si troverebbero a nord della nuova strada; il tracciato  Nord, oltre a non causare tali inconvenienti, risulta anche il percorso più breve. Il tracciato a sud del Colle di San Zenone andrebbe interessare una zona antropizzata allo stesso livello e senza alcun pregio di tipo naturalistico ed ambientale rispetto a quella eventualmente interessata dal tracciato nord e che quest’ultimo era stato favorevolmente giudicato da Commissario Straordinario per le Opere Strategiche in Friuli - Venezia Giulia, Trentino – Alto Adige e Veneto, arch. Bartolo Mainardi. Inoltre il tracciato a sud andrebbe a compromettere ben tre siti archeologici d’epoca romana. Quindi il parere della succitata Soprintendenza è incoerente e contraddittorio, nella dichiarazione presente nel succitato protocollo, pag. 1 ultimo paragrafo …..che data l’equivalenza dell’impatto territoriale tra la soluzione a sud o a nord…….

Comunicati stampa

29.11.2015

Le “ultime dal tagliamento”

Lo scorso 2 settembre 2015 Latisana commemorò il 50° anniversario dell’alluvione pubblicando un libro “Latisana, dopo 50 anni dall’alluvione del Tagliamento, del 1965, è ancora in stato di allerta?”. [leggi]


18.02.2015

TAGLIAMENTO, FISSATI PROSSIMI TRE STEP PER RIDUZIONE RISCHIO ALLUVIONI. TAVOLO TECNICO A ROMA

Venezia, 18 febbraio 2015 Dopo tanti anni, finalmente una proposta unica, su cui c’è l’accordo di tutti i soggetti interessati, per procedere nella realizzazione di un pacchetto di interventi per la sicurezza del bacino del fiume...[leggi]


30.11.2014

Ponte ciclopedonale, ACQUA: "Fognatura da espropriare"

Messaggero Veneto. Maniago: il caso del ponte ciclopedonale a Fratta, senza sbocco, sta per essere risolto...


30.11.2014

Variante Sud, ora e battaglia fra i comitati

Messaggero Veneto. Dignano, l'associazione ACQUA denuncia: la lotta contro l'opera viaria nasconde interessi privati.


18.11.2014

In una tesi la battaglia contro le casse di espansione

Gazzettino 18 novembre 2014


08.11.2014

Il Centro da investigare

San Quirino: Bortolussi chiede ufficialmente gli atti pubblici. Nel mirino la struttura dedicata ai Magredi. Gazzettino 8 novembre 2014


07.11.2014

Ambientalisti: Tagliamento senza manutenzione

Gazzettino, 7 novembre 2014 - Materiale da asportare, sopralluogo e denuncia di Acqua


26.09.2014

COMUNICATO STAMPA A.C.Q.U.A. 26/9/2014

Ancora una volta assistiamo sui giornali ad una continua richiesta di Latisana/San Michele per una diga/traversa sul Tagliamento nella strettoia di Pinzano. Laddove la soluzione delle piene era stata dimostrata su un modello...[leggi]


24.07.2013

Degrado corsi d'acqua in Friuli Venezia Giulia

Breve resoconto sul degrado ambientale dei nostri fiumi... Colvera, Meduna e Viella[leggi]


18.07.2013

Ponte di Fratta

In seguito all’acquisizione dei documenti del comune di Maniago in merito al ponte scandalosamente chiuso al traffico, poiché termina su proprietà privata, il sodalizio ha appurato con sconcerto che il manufatto, costato €...[leggi]


Risultati da 1 a 10 su 40
<< Prima < Precedente 1-10 11-20 21-30 31-40 Prossima > Ultima >>